Turchia. Smirne, la Ionia d’Asia Dal 26 febbraio al 6 marzo 2019

Smirne viaggio in Turchia

Accompagna il viaggio: Veronica Iacomi dottore di ricerca in Archeologia orientale all’Università di Roma “La Sapienza”

Programma


1° giorno
Italia – Smirne
Partenza dall’Italia con volo di linea per Smirne via Istanbul. All’arrivo trasferimento in hotel a Smirne. Pernottamento.


2° giorno
Phocaia – Sardes
La mattina visita all’antica Phocaia, l’attuale Foca, fondata da coloni di Eretria e Teos nell’VIII secolo a.C. Il nome proviene dalla parola foca, che fu il simbolo della città, e dalla Focide, regione della Grecia centrale da cui provenivano alcuni coloni.
Proseguimento per Sardes, antica capitale del prospero Regno di Lidia che controllava buona parte dell’Egeo prima della comparsa dei persiani. Un tempo la città sorgeva nei pressi del fiume Pactolus, le cui acque trasportavano granelli d’oro che venivano raccolti con setacci di pelle dagli abitanti lidi; pare che qui sia stata inventata la moneta. Ricostruita dall’imperatore Tiberio, diventò una fiorente città della provincia romana.
Rientro a Smirne. Pernottamento.


3° giorno
Smirne – Erythrae
Mattina visita dell’antica Agorà di Smirne. Costruita per ordine di Alessandro Magno, fu danneggiata gravemente da un terremoto, ma venne in seguito ricostruita dall’imperatore romano Marco Aurelio. I colonnati corinzi, le stanze con il soffitto a volta e un arco ricostruito danno l’idea di come appariva un ‘bazar’ romano.
Proseguimento per il sito di Erythrae, una delle dodici città della Lega della Ionia, fondata dopo la guerra di Troia da alcuni coloni cretesi. Rientro a Smirne. Pernottamento.


4° giorno
Klazomenai – Teos
La mattina visita alle rovine dell’antica Klazomenai. La città fece parte della Lega greca detta “Dodecapoli Ionia”, una confederazione di dodici colonie greche dell’Asia Minore, e della “Lega Delio-Attica”; dal 133 a.C. fu inglobata nella provincia romana dell’Asia.
Proseguimento per la visita del sito archeologico di Teos, formato da alcune pittoresche colonne slanciate, ricostruite tra i campi e gli uliveti, e dai resti di un tempio dedicato a Dioniso. Nei tempi antichi, Teos fu un’importante città ionica.
Al termine delle visite, rientro a Smirne. Pernottamento.


5° giorno
Colophon – Claros – Kusadasi
Giornata dedicata alla visita della città di Colophon, antica città dell’Asia Minore, nella Lidia, tra Smirne ed Efeso. Di fondazione ionica (sec. VIII a.C.), nota per il commercio della resina (colofonia), alla fine del sec. IV a. C. fu liberata dal dominio persiano e completamente ricostruita secondo un piano regolatore noto da un’iscrizione. Della città restano oggi importanti rovine (mura e necropoli) oltre che iscrizioni e monete d’argento e bronzo.
Proseguimento per Claros, un antico santuario greco sulla costa della Ionia; conteneva un tempio ed un oracolo di Apollo.
Trasferimento in hotel a Kusadasi. Pernottamento.


6° giorno
Didyma – Mileto – Priene
Giornata dedicata alla visita dei siti di Didyma, Mileto e Priene. Didyma ospitava uno stupendo tempio di Apollo nel quale viveva un oracolo autorevole quanto quello di Delfi; ad oggi si possono ammirare le sue suggestive rovine che vagamente ricordano il complesso templare di Karnak in Egitto.
Proseguimento per Mileto, fra le cui rovine spicca il maestoso Teatro a testimonianza della passata grandezza di questa città che fu un importante centro commerciale ed amministrativo.
A seguire, visita di Priene, affacciata sulla pianura del fiume Menatro. Intorno al 300 a.C. Priene occupava un ruolo di grande rilevanza ed ospitava le feste ed i congressi organizzati dalle Lega delle città della Ionia.
Rientro a Kusadasi. Pernottamento.


7° giorno
Efeso – Magnesia
Giornata dedicata alla visita di Efeso e dell’antica Magnesia. Efeso è la città classica meglio conservata del Mediterraneo orientale; nell’antichità era un centro commerciale e religioso di grande importanza. Le sue rovine ne fanno uno dei più noti siti archeologici del Mar Mediterraneo. Proseguimento per Magnesia, nell’ antica Ionia, presso il fiume Leteo, adagiata su una fertile pianura ed era una grande produttrice di pane. I primi scavi archeologici furono eseguiti nel 1891-1893 da una squadra di archeologi tedeschi guidata da Carl Humann, lo scopritore dell’Altare di Pergamo. In ventuno mesi furono portati alla luce il teatro, il tempio di Artemide, l’agorà, il tempio di Zeus e il pritaneo.
Al termine delle visite, rientro a Kusadasi. Pernottamento.


8° giorno
Tralles – Alabanda
La mattina partenza per l’antica Tralles, attuale Aydin, importante e conteso nodo stradale, è citata per la prima volta da Senofonte come “città dell’impero persiano “dove passò Tissaferne. Fece poi parte dell’impero di Alessandro Magno, passò nel 313 a.C. al suo generale Antigono Monoftalmo e fu presa nel 301 a.C. dal diadoco Lisimaco; in seguito appartenne ai Seleucidi (che nel 281 a.C. la ribattezzarono Seleucia) e agli Attalidi, fino alla conquista da parte di Roma. Sotto Augusto (27 a.C.) fu distrutta da un devastante terremoto, ma fu immediatamente ricostruita come Cesarea. Sono ancora visibili il teatro, lo stadio e il santuario di Dioniso.
Proseguimento per Alabanda, un’antica città della Caria, Anatolia. In epoca ellenistica e romana si abbellì di templi, teatri, terme, le cui rovine furono riportate alla luce nel 1904-1905 dall’archeologo turco Ethem Hamdi Bey.
Rientro a Kusadasi. Pernottamento.


9° giorno
Kusadasi – Smirne – Italia
Dopo la prima colazione, trasferimento immediato in aeroporto a Smirne e partenza con volo di linea per il rientro in Italia (via Istanbul).


N.B. Per motivi di ordine operativo ed organizzativo, le visite e le escursioni possono subire modifiche nell’ordine di effettuazione, ma non nel contenuto, salvo decisioni del governo locale circa chiusure di siti archeologici, al momento non prevedibili.


Quote individuali di partecipazione da Roma in camera doppia: € 1.090

  •  Partenza da altri aeroporti: su richiesta
  • Supplemento singola: € 170
  • Tasse aeroportuali (soggette a riconferma): € 210
  • Spese apertura pratica: € 40
  • Mance (da consegnare all’accompagnatore in loco): € 40

La quota comprende:

  • voli di linea in classe economica da Roma Fiumicino A/R, via Istanbul
  • bagaglio in stiva
  • sistemazione in alberghi categoria 4 stelle in camere doppie con servizi privati
  • tutti i pasti a partire dalla cena del primo giorno alla prima colazione del giorno di partenza
  • trasferimenti e trasporti in pullman privato
  • guide locali parlanti italiano
  • visite ed escursioni come da programma
  • entrate ai siti indicati nel programma
  • presenza di un archeologo che accompagna tutto il tour
  • assicurazione medico-bagaglio-annullamento

La quota non comprende:
tasse aeroportuali, bevande ai pasti, mance, extra personali negli alberghi e nei ristoranti ed extra in genere, tutto quanto non specificato alla voce “la quota comprende”.

Documento per l’espatrio: carta d’identità valida per l’espatrio e non rinnovata mediante timbro sul retro OPPURE passaporto valido con almeno una pagina libera.
ENTRAMBI I DOCUMENTI DEVONO AVERE UNA VALIDITA’ RESIDUA DI ALMENO 5 MESI.

Partecipanti: minimo 15 persone

SCOPRI TUTTI I VIAGGI AV


Informazioni e prenotazioni
Agenzia Viaggi Rallo
Piazza Ferretto 4 
- Mestre (Ve)
041.980860
agenziaralloweb@agenziarallo.it
www.agenziarallo.it

Scheda tecnica e condizioni assicurative riportate sul sito www.agenziarallo.it