Egitto. Nuove scoperte nell’oasi di El Fayoum Dal 22 al 28 febbraio 2018

Accompagna il viaggio: Roberta Petrilli archeologa specializzata in Egittologia e Vicino Oriente Antico, collaboratrice del Museo di Colleferro

Programma


1° giorno
Roma – Il Cairo
Partenza con volo di linea per il Cairo.
Nel pomeriggio arrivo e trasferimento immediato a El Fayoum.
Sistemazione in albergo.


2° giorno
El Lisht – Meidum – El Lahun/Hawara
La mattina partenza per il sito di El Lisht, necropoli del Medio Regno dove si trovano le due piramidi di Amenemhat I e Senusret I circondate da piccole piramidi e mastabe appartenenti a membri della famiglia reale e personaggi della nobiltà.
Qui si trova anche la tomba di Senebtisi, trovata praticamente intatta, con un ricco corredo funebre e una prima versione del Libro dei Morti.
Proseguimento per il  complesso piramidale dell’Antico Regno di Meidum, caratterizzato dalla grande e insolita piramide attribuita al faraone Snefru, sovrano della IV dinastia. Durante la XII dinastia El Fayoum era divenuto un luogo così ricercato e gradevole che il faraone Senwosret II ha scelse la zona di El Lahun come luogo per il suo riposo eterno e quindi per il suo complesso piramidale.
Il nipote, Amenemhet III ha costruito la seconda piramide ad Hawara, nei pressi del monumento funebre del nonno, l’ultimo dei grandi complessi piramidali in Egitto.


3° giorno
Dime es Seba – Qasr el Sagha – Karanis
La mattina partenza per Dime es Seba, l’antica città di Soknopaiou Nesos, abbandonata dai suoi abitanti all’incirca nel III d.C.; le sabbie del deserto hanno presto ricoperto costruzioni e oggetti riscoperti solo recentemente, grazie una missione italiana di scavo. Soknopaiou Nesos è il nome greco della città, importante area religiosa e probabile centro commerciale. Le rovine si estendono su di una vasta area, attraversata da un “dromos” di 400 metri che divideva in due la città, dominata dal tempio dedicato al dio Sobek – Soknopaiou – e alla dea Isis Nepherses.
Visita all’area di Qasr el Sagha e all’antica città di Karanis, una delle principali città del Fayoum durante il periodo greco-romano; qui fu edificato il tempio durante il I secolo a.C. su cui venne costruito successivamente un secondo, dedicato alle divinità locali in forma di coccodrillo Pnepheros e Petesouchos. Gli scavi archeologici hanno rinvenuto alcuni papiri in latino e numerosi altri in greco antico. Al termine rientro a El Fayoum.


4° giorno
Qasr Qarun – Valle delle Balene (Wadi El Hitan)
La mattina partenza per la riva occidentale del lago Qarun dove si trova la cittadina di Qasr Qarun, nei pressi dell’antica Dionysias. Nei tempi antichi Dionysias si trovava all’inizio (o alla fine) della strada carovaniera per l’oasi di Bahariya e quindi di una certa importanza. I resti romani sono da tempo rovinati dalla sabbia ma il tempio dedicato a Sobek presenta delle caratteristiche quanto mai particolari e non immaginabili guardando la sua struttura esterna.
Dopo la visita, si prosegue per la Valle delle balene, parte dell’area protetta di Wadi El-Rayan, che nel 2005 è stata dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità per la singolare bellezza del paesaggio e per l’importanza ricoperta in ambito scientifico.
A Wadi el Hitan si possono vedere rari e antichissimi reperti di enormi fossili di squali e balene: la prova del fatto che 40 o 50 milioni di anni fa l’area era completamente sommersa dalle acque del mare di Tethys.
Al termine rientro a El Fayoum.


5° giorno
Medinet Madi (Narmouthis) – Tebtynis
La mattina partenza in direzione sud-ovest dove si trova la cittadina di Medinet Madi, identificata come la Narmouthis del periodo greco. Il tempio è considerato uno dei più importanti della regione di El Fayoum per il suo buon stato di conservazione e per la presenza di bassorilievi su mura e colonne relative alla triade sacra: Sobek, Renunutet (dea serpente del raccolto) e Horus di Shedet.
Proseguimento per Tebtynis, sito archeologico al limite sud-orientale dell’oasi, fondato probabilmente sotto la XII dinastia (1955-1760 a.C.) periodo di cui non si conosce molto. Durante il successivo periodo tolemaico fino al bizantino divenne un importante centro economico e religioso, abitato fino al XI sec. Grazie al lavoro di numerose spedizioni internazionali sono stati trovati innumerevoli papiri, una vasta necropoli dove furono sepolti uomini come pure coccodrilli, ibis e falchi, sacri alle divinità locali, e parte del Santuario di Soknebtynis, il dio coccodrillo, varie abitazioni romane e una chiesa copta con iscrizioni e pregevoli affreschi.
Al termine rientro a El Fayoum.


6° giorno
Dahshur – Il Cairo
La mattina si lascia l’oasi del Fayoum in direzione del Cairo con sosta a una delle necropoli fra le meglio conservate ma poco visitata: la Necropoli di Dahshur. Nell’area si trovano vari complessi piramidali classici e particolari come la piramide romboidale, sepolture di nobili, un villaggio di operai e funzionari. A Dahshur avvenne il passaggio molto importante dalla piramide a gradoni alla prima piramide vera e propria che è quella di Snefru detta piramide rossa, progenitrice di quella più famosa di Cheope.
Al termine delle visite si prosegue per Cairo.
Sistemazione in albergo e pernottamento.


7° giorno
Il Cairo – Roma
La mattina visita al Museo Egizio delle Antichità che ospita la più grande collezione archeologica al mondo, con oltre 120.000 reperti. Le testimonianze esposte risalgono a un periodo storico compreso tra l’inizio dell’Antico Regno (approssimativamente risalenti al 2700 a.C.) fino al periodo greco-romano.
Pranzo in ristorante e trasferimento in aeroporto.
Volo di rientro a Roma.


N.B. Per motivi di ordine operativo le visite e le escursioni potrebbero subire modifiche sulla base delle disposizioni delle Autorità Turistiche, non prevedibili al momento della pubblicazione del programma.


Quote individuali di partecipazione in camera doppia da Roma: € 1.750

  • Supplemento singola: € 275
  • Supplemento partenza da altre città: su richiesta
  • Visto d’ingresso: € 30
  • Tasse aeroportuali indicative: € 68
  • Spese apertura pratica: € 40
  • Mance (da consegnare all’accompagnatore in loco): € 40

La quota comprende:

  • volo di linea in classe turistica
  • sistemazione in hotel di cat. 4/5 stelle a El Fayoum e Cairo, in camere doppie con servizi privati
  • trattamento di pensione completa dalla cena del primo giorno al pranzo del giorno di partenza
  • trasporti con mezzi privati (minibus o land cruiser 4×4)
  • presenza di un archeologo dall’Italia
  • visite ed escursioni come da programma
  • assistenza di guide locali
  • lezioni e incontri con l’archeologo durante il viaggio
  • entrate ai musei e luoghi archeologici come da programma
  • assicurazione medico-bagaglio-annullamento
  • set da viaggio

La quota non comprende:
tasse aeroportuali italiane, mance, bevande ai pasti, extra di carattere personale negli alberghi e nei ristoranti, tutto quanto non specificato alla voce “la quota comprende”.

Partecipanti: minimo 15 persone

SCOPRI TUTTI I VIAGGI AV


Informazioni e prenotazioni
Agenzia Viaggi Rallo
Piazza Ferretto 4 
- Mestre (Ve)
041.980860
agenziaralloweb@agenziarallo.it
www.agenziarallo.it

Scheda tecnica e condizioni assicurative riportate sul sito www.agenziarallo.it