Edicola
Scavi
Viaggi
Cinema
Subacquea
Incontri
  Chi Siamo Contatti Abbonati Ora Indice Arretrati Siti consigliati
cerca
in:
 
     
  N. 169-2015
Gennaio-Febbraio
 

  :: CIRCOLI DI PIETRE: GLI ETRUSCHI E L'IDEOLOGIA DELLA CASTA
Simona Rafanelli, Enrico Pellegrini e Maria Cristina De Angelis
 

  :: BODZIA 'STRANIERI' NELLA NUOVA POLONIA DEL X-XI SECOLO
Andrzej Buko
 

  :: CHAMPA E IL CUORE DEL VIETNAM
Elisabetta Susani
 

  :: LE CHIAVI DI ROMA LA CITTA' DI AUGUSTO
Roberto Meneghini, Lucrezia Ungaro e Sofia Pescarin
 

  :: IRAQ E SIRIA: L’ESTINZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE
Paolo Brusasco
 

  :: OSSERVATORIO PRECOLOMBIANO NEL DESERTO DELL’ATACAMA
Gabriella Bernardi, Alberto Vecchiato e Beatrice Bucciarelli
 

  :: INCONTRO CON FRANCESCO TIRADRITTI
Intervista di Giulia e Piero Pruneti
 

  :: NOTIZIE
Autori Vari
 

  :: DALLE RIVISTE
a cura di Giulia Pruneti
 

  :: IN LIBRERIA
-
 

  :: EDITORIALE
Piero Pruneti
 
 
 
 
<< Indietro
 

IL FASCINO DISCRETO DI STABIA

Archeologia vesuviana
Giovanna Bonifacio, Pietro Giovanni Guzzo, Thomas Howe, Luciana Jacobelli, Ferdinando Spagnolo
Rivista: N. 134-2009 mese: Marzo-Aprile

La fama straordinaria di Ercolano e Pompei ha finora lasciato poco spazio a questa "terza" città sepolta dalle ceneri
Eppure l'antica Stabiae è in grado di proporsi con un grandioso patrimonio monumentale e un paesaggio sconfinato che abbraccia tutto il Golfo fino all'orizzonte chiuso dal Vesuvio...

«Non ho dubbi che tu da queLla stanza da letto, in cui ti sei allargato la vista dalla parte di Stabia con qualche opportuna apertura [...] hai passato intere mattinate a oziare in contemplazione di quello scenario». Basterebbero le parole di Cicerone all'amico Marco Mario (Ad familiares VII, 1,1) per comprendere il fascino che il litorale stabiano esercitò presso i Romani. In realtà tutta la costa campana, a partire dalla seconda metà del II sec. a.C., fu interessata da una moda inarrestabile: quella della nobilitas romana di costruirsi lussuose ville ove trascorrere il tempo libero in armonia e bellezza. La relativa vicinanza a Roma, la dolcezza del clima, la fertilità della terra, la ricchezza di acque termali, la bellezza del paesaggio e l'antica cultura greca, fecero del golfo di Napoli la zona preferita dalla classe dirigente romana per impiantarvi lussuose ville d'otium. Il geografo Strabone asserisce che alla sua epoca (età augustea) il Golfo, da capo Miseno a punta della Campanella, era così ricco di edifici da presentare l'aspetto di un'unica, continua città. Di questo immenso patrimonio architettonico restano tracce sparse e spesso in cattivo stato di conservazione, fatta eccezione per il sito di Stabiae, che presenta la maggiore concentrazione di ville maritimae, per di più splendidamente conservate, del mondo romano. […] Articolo su 12 pagine

../files/Articoli_Riviste/stabia.jpg

../files/Articoli_Riviste/stabia1.jpg





www.tourisma.it

www.archeologiasperimentale.it

www.giuntiabbonamenti.it

www.progettosrl.it/giunti_periodici.html



Edicola | Scavi | Viaggi | Cinema | Subacquea | Incontri | Chi Siamo | Contatti | Abbonati ora | Indice Arretrati | Links
® 2010 - Giunti Editore S.p.a. - Archeologia Viva
Web by Media Studio srl    PortalGenerator 1.8 by InterWorld.SDN