Castelli Romani. Viaggio nella storia Dal 6 al 10 settembre 2019

Castelli romani viaggio archeologia viva

Accompagnano il viaggio: Roberta Petrilli archeologa specializzata in Egittologia e Vicino Oriente Antico, collaboratrice del Museo di Colleferro

Programma


1° giorno
ROMA –  ARICCIA – NEMI
Arrivo libero a Roma Termini entro le ore 13.00. Pranzo libero.
Partenza per Ariccia, città che combatté Roma con la Lega Latina. Visita di Palazzo Chigi, un esempio unico di dimora barocca rimasta inalterata nei secoli, a documentare il prestigio di una delle più grandi casate papali italiane: i Chigi. Il Palazzo, trasformato in una fastosa dimora barocca da Gian Lorenzo Bernini, è adibito a museo e centro di molteplici attività. Visita del Piano Nobile, delle Stanze del Cardinale e del Parco.
Al termine, proseguimento per Nemi, sulla famosa Via dei Laghi, nota per la coltivazione delle fragole.
Visita del Museo delle Navi dove sono conservati anche reperti provenienti dagli scavi del Tempio di Diana e la ricostruzione in scala delle Navi di Caligola.
Rientro in hotel, cena e pernottamento.


2° giorno
CASTEL GANDOLFO – ALBANO LAZIALE
La mattina trasferimento a Castel Gandolfo, borgo affacciato sul lago Albano, famoso per la residenza suburbana frequentata dai papi fin dall’epoca di Papa Urbano VIII (1623-1644). Visita al Palazzo Apostolico, parte integrante dell’area di oltre 55 ettari che costituisce il complesso delle Ville Pontificie, eretto tra il 1624 e il 1626 per volere di Papa Urbano VIII che, subito dopo la sua elezione a pontefice, diede avvio alla costruzione dell’edificio sul sito della villa romana dell’imperatore Domiziano, probabilmente sorta a sua volta sull’acropoli dell’antica Alba Longa. Al completamento dell’edifico partecipa anche Gian Lorenzo Bernini che realizza presso i giardini un portale non più esistente e collabora alla realizzazione di un ala.
Visita ai Giardini di Villa Barberini, il “cuore verde” delle Ville Pontificie, a bordo di un comodo mezzo ecologico.
Proseguimento per Albano Laziale e visita all’anfiteatro di Villa Domiziano edificato dalle maestranze della Legione all’incirca nella prima metà del III secolo d.C., per lo svago dell’esercito; l’impianto poteva contenere fino a 16.000 persone. Visita al Tempio Santa Maria della Rotonda, consacrata nel 1060, anche se il suo utilizzo ecclesiastico risale già al IX secolo. La tradizione narra che nel 768 alcune monache greche, fuggite alla persecuzione degli iconoclasti, vi portarono la sacra immagine della Madonna che ancora oggi è venerata con devozione e la cui festa si celebra ogni anno la prima domenica di agosto.
Proseguimento per la visita ai cisternoni di epoca romana progettati dagli architetti della Seconda Legione Partica intorno al 202 d.C., per garantire il rifornimento idrico ai Castra Albana ed alle abitazioni circostanti.
Rientro ad Ariccia, cena e pernottamento in hotel.


3° giorno
FRASCATI – PALESTRINA
Mattina dedicata alla visita di Frascati e del suo centro storico con i caratteristici vicoli su cui si affacciano antichi palazzi: Piazza Paolo III con l’antica Rocca, la Chiesa di Santa Maria in Vivario, la Cattedrale di San Pietro sull’omonima piazza.
Al termine proseguimento per Villa Falconieri, una delle più importanti Ville Tuscolane, raggiungibile solo a piedi con una camminata in salita di una ventina di minuti circa. N.B.: l’ordine delle visite alla Chiesa, alla Cattedrale e alla Villa è subordinato agli orari di apertura.
Nel pomeriggio proseguimento per Palestrina e visita al Museo Archeologico Nazionale ospitato nel rinascimentale palazzo Barberini, sulla sommità dell’antico santuario della Fortuna Primigenia. Nelle sale del museo, articolate su tre piani, sono esposti i più importanti reperti provenienti dall’antica Praeneste e dal suo territorio, ordinati per grandi temi che abbracciano i principali aspetti della storia, della cultura e delle produzioni artistiche di una delle più importanti e fiorenti città del Lazio antico.
Al termine visita all’area del tempio della fortuna Primigenia, massimo complesso di architetture tardo-repubblicane dell’Italia antica. Il santuario era celebre in tutto il mondo romano per il culto della Fortuna Primigenia ovvero “prima – nata” dei figli di Giove, ma anche Primordiale e dunque Madre e contemporaneamente figlia di Giove. I suoi resti, che erano stati nel tempo inglobati nell’abitato medioevale, furono rimessi in luce in seguito al bombardamento del centro cittadino nel 1944.
Rientro in hotel, cena e pernottamento.


4° giorno
TIVOLI
Giornata dedicata alla visita di Tivoli, la città che nell’Eneide Virgilio menzionava come Tibur Superbum e che vanta origini millenarie riconducibili attorno al 1215 a.C.. Oggi l’immagine di Tivoli è indissolubilmente legata alle magnifiche ville che la decorano, l’archeologica Villa Adriana e la spettacolare Villa d’Este entrambe Patrimoni Mondiali dell’Umanità UNESCO.
Mattinata dedicata alla visita di Villa Adriana, testimonianza archeologica della grandezza dell’antico Impero Romano distribuita in 40 ettari; pomeriggio visita a Villa d’Este, straordinario esempio del Rinascimento Italiano, famosa in tutto il mondo per le splendide fontane che la decorano, caratterizzate dai pregevoli e suggestivi giochi d’acqua che la rendono tra i “giardini all’italiana” più belli d’Europa.
Rientro ad Ariccia, cena e pernottamento in hotel.


5° giorno
ROMA
Colazione in hotel e rientro a Roma Termini. Visita al Museo di Palazzo Massimo anche conosciuto come Palazzo Massimo alle Terme, per la sua vicinanza alle Terme di Diocleziano. Il percorso espositivo, seguendo un ordine cronologico, permette di ammirare una straordinaria collezione archeologica: gioielli e monete romane di varie epoche, affreschi, sarcofagi, basso rilievi e mosaici. Pranzo libero.
Ore 15.00 fine dei servizi e rientro libero alle proprie località di origine.


N.B. Per motivi di ordine operativo ed organizzativo, le visite e le escursioni possono subire modifiche nell’ordine di effettuazione, ma non nel contenuto, salvo chiusure di siti/Musei predisposte dal Ministero dei Beni Culturali dal momento della pubblicazione del presente programma al momento dell’effettuazione del viaggio.


Quote individuali di partecipazione in camera doppia: € 780

  • Supplemento singola: € 290
  • Entrate: € 50
  • Ingressi da consegnare all’archeologa: € 95 (salvo modifiche per il 2019)
  • Spese apertura pratica: € 40
  • Mance (da consegnare all’accompagnatore in loco): € 30

La quota comprende:

  • sistemazione in camera doppia in hotel di categoria 3 stelle ad Ariccia
  • trattamento di mezza pensione (prima colazione e cena bevande incluse nella misura di ½ lt acqua e ½ lt vino)
  • 3 pranzi in ristorante in corso di escursione (dal 2° al 4° giorno)
  • trasporto in pullman GT per tutto il tour (compresi ZTL e parcheggi)
  • presenza di guida/archeologo
  • visite ed escursioni come da programma
  • lezioni e incontri con l’archeologo durante il viaggio
  • assicurazione medico-bagaglio-annullamento

La quota non comprende:
trasporto da/per Roma Termini, pranzi del 1° e 5° giorno, mance, entrate ai musei e luoghi archeologici, extra personali, tutto quanto non specificato alla voce “la quota comprende”.

Partecipanti: minimo 15 persone

SCOPRI TUTTI I VIAGGI AV


Informazioni e prenotazioni
Agenzia Viaggi Rallo
Piazza Ferretto 4 
- Mestre (Ve)
041.980860
agenziaralloweb@agenziarallo.it
www.agenziarallo.it

Scheda tecnica e condizioni assicurative riportate sul sito www.agenziarallo.it

(Foto Wikimedia Commons)