“Le vie di comunicazione nell’antichità” Convegno / Roma / 24 e 25 maggio 2019

“Le vie di comunicazione nell’antichità”

Convegno
24 e 25 maggio 2019
Roma – Sala conferenze del Parco Regionale dell’Appia Antica
(Via Appia Antica 42)

Ingresso libero


Il convegno, organizzato in cooperazione tra Sigea e Ordine dei Geologi del Lazio, è a partecipazione libera e gratuita, prevede sessione orale e sessione poster suddivisa in cinque temi:
• Le strade: la sede, il tracciato, le opere d’arte
• Il superamento di difficoltà geologiche e idrografiche
• Le fonti storiche e cartografiche
• Le comunicazioni fluviali e i porti fluviali
• La ricostruzione dei paesaggi attraversati


PROGRAMMA
Venerdì 24 maggio 2019

9.00 | Registrazione partecipanti
9.30 | Apertura lavori e saluti delle Autorità
Rappresentante Ministero dei Beni e delle Attività Culturali
Erasmo D’Angelis, Segretario Generale dell’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Centrale
Rappresentante Parco Regionale dell’Appia Antica
Giuseppe Gisotti (Presidente Onorario Sigea)
Gioacchino Lena (Coordinatore Sigea area tematica Geoarchelogia)

Sessioni orali

Sessione I. Le strade: la sede, il tracciato, le opere d’arte
Modera i lavori: GIORGIO CESARI

10.00 | Storia del porto di Tharros e dello spopolamento della città causato dai dissesti idrogeologici che ne causarono la distruzione – Anna Ardu
10.20 | L’antica via Flacca. Tra turismo archeologico e ambientale – Federico Boccalaro
10.40 | Risultati preliminari sulla possibile individuazione della Mutatio Gelasium lungo il tratto di via romana Catania Agrigento (It Antonini n. 88) – Giovanni Bruno, Germana Barone, Giorgio De Guidi, Rosanna Maniscalco, Paolo Mazzoleni, Danilo Messina, Alessandra G. Pellegrino
11.00 | I porti, gli approdi e l’antica rete stradale nella zona Iblea dal mare alla terraferma – Giovanni Cassarino, Saverio Scerra
11.20 | La via campana Portuense e le cavità sotterranee – Giancarlo Ciotoli, Stefania Nisio
10.40 | Viabilità nell’area ostiense: Ostia verso il fiume e verso il mare – Massimiliano David
12.00 | Il tracciato stradale di Loc. Carromonaco nel fondovalle del Mesima (VV). Prime ipotesi sulla viabilità antica e medievale tra la via Annia-Popilia e i giacimenti religiosi e minerari delle Serre calabresi – Antonino Facella, Ginevra Gaglianese, Pietro Carmelo Manti, Maria Teresa Iannelli
12.20 | La vie di comunicazione fra Catania e Siracusa in età greca – Roberto Mirisola
12.40 | Sentieri preistorici nebroidei – Rosaria Natoli, Michele Orifici
13.00 | Le vie di comunicazione in area ostiense in età antica – Simona Pannuzi

13.20 | Pausa pranzo

15.00 | Apertura dei lavori pomeriggio

Sessione II. Il superamento di difficoltà geologiche e idrografiche
Modera i lavori: SIMONA PANNUZI

15.00 | Viabilità ed episodi alluvionali in età romana: archeologia della via Emilia a Modena e delle vie oblique in Emilia – Gianluca Bottazzi, Donato Labate
15.20 | La progettazione della Laurentina e le modifiche del paesaggio attraversato – Anna Buccellato, Fulvio Coletti, Anne de Loof
15.40 | La via Severiana come difesa costiera e risorsa strutturale del Lazio romano – Stefano De Togni
16.00 | La via Appia Antica al valico degli Appennini Monti Aurunci: aspetti geologici e geomorfologici – Emiliano Di Luzio, Gianluca Sottili
16.20 | Vibo Valentia: spunti per la definizione della viabilità urbana nella fase greca e romana – Giuseppe Ferrraro, Maria Teresa Iannelli, Anna Rotella
16.40 | Una via al limite: aspetti geologici della via Annia, strada romana al contatto tra pianura e lagune dell’Italia nord-orientale – Alessandro Fontana, Paolo Mozzi, Sandro Rossato, Francesco Ferrarese, Francesca Veronese, Massimo Capulli
17.00 | Analisi geoarcheologiche integrate per la definizione dei tracciati di viabilità antica lungo l’Appennino Meridionale: il caso della Via Herculia e della Via ab Regio ad Capuam – Maurizio Lazzari, Teodora Ciccheli
17.20 | L’antica Via Ardeatina, il tracciato e le infrastrutture – Leonardo Schifi

Sessione III. Le fonti storiche e cartografiche

17.40 | Cartografi a storica e geomorfologia nella ricostruzione della via Annia: il caso di Altino – Aldino Bondesan, Paola Furlanetto, Mariolina Gamba
18.00 | Le porte storiche: valichi stradali obbligati dall’antichità ad oggi – Lamberto Laureti
18.20 | Chiusura lavori a cura di Gioacchino Lena e Anna Buccellato


PROGRAMMA
Sabato 25 maggio 2019

Sessione poster

09.30 | Discussione poster (i poster potranno essere esposti a partire dal venerdì 24 maggio)

Modera i lavori: GIOVANNI BRUNO

La via Latina fra storia e geologiaMaria Luisa Felici, Giulio Caratelli
La via Nomentana, luoghi di culto e acque sotterraneePio Bersani, Stefania Nisio
Indagini geo-storiche, topografi che, storiografi che e archeologiche sulla Magnesia (Tessaglia)Stefano Paderni
Percorsi antichi nel territorio locrese meridionale (Calabria): vie longitudinali e trasversali rispetto alla costa tra le vallate dei torrenti Bruzzano e La VerdeGianluca Sapio

Sessioni orali

Sessione IV. Le comunicazioni fluviali e i porti fluviali
Modera i lavori: CARLO ROSA

10.30 | Il Tevere: la più antica via della civiltà romana – Giorgio Cesari
10.50 | La via alzaia del Tevere dall’età romana al XVI secolo – Anna Buccellato, Alessandra Ghelli, Carlo Rosa
11.10 | Il ruolo del fiume nella produzione agricola e nel commercio delle eccedenze alimentari durante l’antichità. Il caso dell’Eufrate (Uruk, Ur, Nippur, Babilonia) – Giuseppe Gisotti, Paolo Malagrinò
11.30 | Il porto di Hadria (Pineto, Abruzzo) La ricostruzione del paesaggio fluviale antico. Ipotesi preliminare – Davide Mastroianni
11.50 | Il Tevere asse di comunicazione e di sviluppo tra Roma, il litorale e i porti – Renato Matteucci, Carlo Rosa, Renato Sebastiani
12.10 | Il porto fluviale di Roma antica presso Monte Secco e la discarica di anfore (Prati) – Carlo Rosa

Sessione V. Le La ricostruzione dei paesaggi attraversati

12.30 | L’organizzazione del territorio attraversato dalla via Laurentina antica tra il V e il VII miglio: architettura, infrastrutture e paesaggi tra l’età arcaica e la tarda antichità – Anna Buccellato, Fulvio Coletti
12.50 | Paesaggi delle acque interne prossime al mare: il caso di Aquileia – Paola Maggi, Flaviana Oriolo, Paola Ventura, Alessandro Fontana
13.10 | La via degli Schiavoni: le vie romee tra la Romagna e la Puglia – Roberto Ranciaro
13.30 | Chiusura lavori a cura di Giuseppe Gisotti e Alma Rossi


Informazioni: Tel. 06.5943344
info@sigeaweb.it –  www.sigeaweb.it


È stata inoltrata richiesta per crediti formativi per geologi.
Con nota del MIUR U.0021807-09-05-2019 è stato concesso l’esonero dall’obbligo di servizio ai docenti di ogni ordine e grado


Da sempre le strade rappresentano lo specchio della civiltà del territorio su cui esse insistono e di conseguenza la loro ideazione, progettazione ed esecuzione non potrà mai prescindere dal contesto geologico, biologico, e quindi paesaggistico, che le circonda. Ne consegue come l’iter progettuale risulti necessariamente di natura squisitamente multidisciplinare e costretto a svilupparsi rispettando i canoni di un’ ingegneria realmente compatibile. All’origine di una corretta ideazione di una rete di trasporti non può che esservi un’approfondita conoscenza di come sia nata e si sia sviluppata l’idea di strada partendo dalla sua ideazione fino a giungere alla sua costruzione.

Il convegno riguarderà le tecniche costruttive, gli accorgimenti tecnici messi in opera per trarre beneficio dalla geomorfologia e, al contrario, superare gli ostacoli geomorfologici incontrati lungo il percorso (fiumi, forre, paludi, rilievi, ecc.), l’utilizzo della litologie per l’approvvigionamento dei materiali necessari alla costruzione. Inoltre saranno trattate le caratteristiche fluviali per ubicarvi le strutture portuali e le modalità di raggiungimento dei siti di interesse economico, politico o militare.