Etiopia. Viaggio alle origini dell’uomo Dal 25 settembre al 6 ottobre 2019

Accompagna il viaggio: Roberta Petrilli archeologa specializzata in Egittologia e Vicino Oriente Antico, collaboratrice del Museo di Colleferro

Programma


1° giorno
ITALIA – ADDIS ABEBA
Partenza dall’Italia con volo di linea per Addis Abeba con cambio aereo a Istanbul.
All’arrivo trasferimento, incontro con la guida e trasferimento in hotel. Pernottamento.


2° giorno
ADDIS ABEBA
Giornata dedicata alla visita della città. Nel corso della visita si vedrà: il Museo Nazionale interessante per i reperti sabei e per i resti di Lucy, un ominide vissuto nella valle dell’Awash tre milioni e mezzo di anni fa; il Museo Etnografico, che possiede una splendida collezione di strumenti musicali e di croci copte, nonché le stanze dove abitò l’imperatore Hailè Selassiè.
Nel primo pomeriggio visita della cattedrale della Santissima Trinità.
Cena e pernottamento in hotel.


3° giorno
ADDIS ABEBA – LALIBELA
Mattina è dedicata al trasferimento con volo di linea per Lalibela. Arrivo, trasferimento e sistemazione in albergo.
Nel pomeriggio visita al primo gruppo di chiese rupestri che ha reso famosa questa città come la “Petra” o la “Gerusalemme” africana e che ne fanno il luogo di maggior richiamo religioso di tutta l’Etiopia.
Visita della chiesa ipogea e cruciforme di San Giorgio, della chiesa di Bet Mariam con gli stupendi affreschi e dell’imponente Bet Medane Alem.
Cena e pernottamento in hotel.


4° giorno
LALIBELA
La mattina si assisterà alla festa del Meskel, una festa nazionale celebrata da secoli in tutte le piazze principali delle varie città etiopi. Al centro delle piazze vengono realizzati dei falò giganti con in punta la forma della croce, tutta ornata da margherite gialle, i fiori del Meskel. La festa celebra sia il ritrovamento della vera Croce di Cristo da parte della regina Elena sia la fine della stagione delle piogge e l’inizio della primavera.
Visita al gruppo di chiese dall’incredibile il lavoro di scultura. Questi blocchi monolitici di grès rossastro sono stati svuotati all’interno e scolpiti all’esterno per ottenere la forma del tetto, la facciata e le pareti; le stesse sono poi state traforate per ricavare porte e finestre. Le chiese sono comunicanti, cunicoli e passaggi scavati nella roccia le collegano una all’altra.
Nel pomeriggio visita al monastero di Yimreanna Kristos situato a una altezza di 2.700 m e realizzato all’interno di una grotta.
Rientro in hotel, cena e pernottamento.


5° giorno
LALIBELA – BAHIR DAR
Mattinata dedicata alla chiesa di Nakuto Leab, costruita sotto una grotta naturale, che vanta alcuni tesori appartenenti al suo fondatore, fra cui tamburi dipinti, croci e corone.
Al termine delle visite partenza per Bahir Dar attraverso una suggestiva strada panoramica.
Arrivo nel tardo pomeriggio e sistemazione in hotel, cena e pernottamento.


6° giorno
BAHIR DAR
Alla mattina partenza per un’escursione in barca sul lago Tana, il lago più esteso d’Etiopia che ospita sulle sue rive e nelle isole numerosi e antichi monasteri.
Visita ai due monasteri della penisola di Zeghe, Ura Kidane Meheret e Azwa Mariam, dove si conservano pitture e manoscritti risalenti al Medioevo etiopico. Le pareti dei monasteri sono affrescate con scene del Nuovo Testamento e della vita dei Santi locali e molto interessanti sono le icone, le croci copte d’argento, le corone dei re e i paramenti sacri.
Nel pomeriggio partenza per visitare le cascate del Nilo Azzurro. Al momento la costruzione di una diga ha reso meno rigogliosa e possente la caduta delle acque, rimane comunque interessante la passeggiata nella natura con la quale si raggiungono le cascate.
Cena e pernottamento in hotel.


7° giorno
BAHIR DAR – GONDAR
Partenza per Gondar, con sosta lungo il percorso al tipico mercato di Woreta. Sistemazione e pranzo in hotel.
Nel pomeriggio visita della città di Gondar. Nel 1636 fu proclamata capitale d’Etiopia dall’imperatore Fasilidas ed è famosa per i resti dei castelli seicenteschi racchiusi nel recinto del quartiere imperiale. Il più spettacolare e meglio conservato è il palazzo dell’imperatore che si eleva per 32 metri e ha un parapetto merlato e 4 torrette a cupola che ricordano in nostri castelli medievali.
Si prosegue la visita con la chiesa di Debre Birhan Selassie che vanta il famoso soffitto decorato da splendidi angeli e le pareti stupendamente affrescate; la raffigurazione più interessante è quella dell’Inferno.
Si raggiungono poi i bagni dell’imperatore conosciuti anche come la piscina di Fasilidas.
Cena e pernottamento in hotel.


8° giorno
GONDAR – AXUM
Partenza per Axum attraverso lo spettacolare massiccio dei monti Simien lungo una pista di montagna che offre un susseguirsi di panorami mozzafiato.
La giornata è piuttosto impegnativa, ma lo spettacolo è decisamente appagante.
Pranzo al sacco. Arrivo nel tardo pomeriggio per cena e pernottamento in hotel.


9° giorno
AXUM – HAWZEN o WUKRO

Visita della città di Axum, antica capitale della grande civiltà axumita che vanta un patrimonio archeologico notevole. Il parco delle stele, monoliti impiegati come pietre tombali e ottimamente conservati, sono la testimonianza di un passato glorioso, il museo archeologico che espone una varietà di reperti quali: una raccolta di iscrizioni in lingua sabea di 2500 anni fa, un’interessante collezione di monete axumite e del vasellame decorato e inciso con motivi ancora oggi utilizzati nell’artigianato e testimonianza dell’antico rapporto commerciale fra l’impero axumita, l’Egitto e la penisola sud-arabica.
Si prosegue con la visita del palazzo e i bagni della regina di Saba, la chiesa di Santa Maria di Sion, che custodisce, secondo la credenza dei fedeli ortodossi, l’Arca dell’Alleanza portata in Etiopia da Menelik I ai tempi di re Salomone, il piccolo museo all’interno del complesso che espone un’eccezionale collezione di corone imperiali e croci antichissime.
Pranzo.
Nel pomeriggio partenza per Hawzen. Poco dopo Axum si devia per visitare Yeha, la prima capitale dell’impero axumita, un tempio pre-cristiano alto 12 metri, che risale all’incirca all’VIII secolo a.C. e denominato Tempio della Luna; nel piccolo museo dell’adiacente chiesa di Abuna Aftse si possono ammirare reperti antichissimi quali una collezione di iscrizioni su pietra in lingua sabea, croci in oro e argento manuali risalenti a centinaia di anni fa e alcuni manoscritti miniati.
Arrivo ad Hawzen o Wukro nel tardo pomeriggio.
Cena e pernottamento al lodge.


10° giorno
HAWZEN o WUKRO – MACALLÈ
Visita alla chiesa di Dugem Selassie che vanta un bellissimo soffitto decorato sopra l’altare. La chiesa, a differenza della maggioranza delle chiese rupestri del Tigray che si trovano in altitudine, è costruita nella piana e scavata da un blocco di granito.
Pranzo al sacco.
Si prosegue con la chiesa di Abraha Atsbeha; una delle più belle della regione, è famosa per il suo bellissimo soffitto intagliato supportato da 13 grandi pilastri e molti archi superbamente decorati. Sono presenti all’interno della struttura cruciforme tre Santuari dedicati rispettivamente ai Santi Gabriele, Michele e Maria. Fra i tanti tesori che la chiesa vanta, il più importante è la croce manuale appartenuta al primo vescovo d’Etiopia, Abuna Salama.
Nei pressi di Macallè si visiterà la chiesa semi-monolitica di Wukro Cherkos, nota per i famosi capitelli cubici, il fregio axumita e il soffitto a volta del XV secolo. È una delle chiese più accessibili perché si trova sul ciglio della strada.
Arrivo a Macallè nel tardo pomeriggio.
Sistemazione in hotel per cena e pernottamento.


11° giorno
MACALLÈ – ADDIS ABEBA
Partenza con volo di linea per Addis Abeba. All’arrivo nella capitale pranzo e tempo a disposizione per gli ultimi acquisti.
Camere in day use per relax prima di cena (una camera ogni 3 pax).
Cena in un ristorante tipico con canti e balli tradizionali e trasferimento in aeroporto.


12° giorno
MACALLÈ – ADDIS ABEBA
Partenza con volo di linea per il rientro in Italia via Istanbul con cambio aeromobile. Arrivo in Italia in mattinata.


N.B. Per motivi di ordine operativo ed organizzativo, le visite e le escursioni possono subire modifiche nell’ordine di effettuazione, ma non nel contenuto – salvo decisioni del governo locale circa chiusure di siti archeologici, al momento non prevedibili.


Quote individuali di partecipazione da Roma in camera doppia: € 2.890

  • Partenza da altre città: su richiesta
  • Supplemento singola: € 310
  • Tasse aeroportuali (soggette a riconferma): € 300
  • Spese apertura pratica: € 40
  • Mance (da consegnare all’accompagnatore in loco): € 35
  • Visto d’ingresso all’arrivo (da pagare in contanti): usd 50

La quota comprende:

  • voli di linea in classe economica da Roma A/R via Istanbul in classe economica
  • voli interni Adis abeba/Lalibela- Macallè/Adis Abeba in classe economica
  • sistemazione in alberghi categoria 4 stelle ad Addis Abeba, Bahir Dar e Macallè, categora 3 stelle (standard etiope) nelle altre località, in camere doppie con servizi privati
  • camera in appoggio prima di cena l’ultimo giorno (3 persone per camera)
  • tutti i pasti a partire dal pranzo del primo giorno alla cena del giorno di partenza con bevande ai pasti nella misura di acqua o soft drink e tè o caffè
  • trasferimenti e trasporti in pullman privato
  • guida locale parlante italiano per tutto il tour
  • visite ed escursioni come da programma
  • presenza di un archeologo italiano per tutto il tour
  • ingressi a chiese e monumenti
  • escursione in barca
  • assicurazione medico-bagaglio-annullamento.

La quota non comprende:
tasse aeroportuali, visto d’entrata, bevande alcoliche, mance, extra personali negli alberghi e nei ristoranti ed extra in genere, mance (da consegnare all’archeologa ), tutto quanto non specificato alla voce “la quota comprende”.

Partecipanti: minimo 15 persone
Documento per l’espatrio: passaporto con validità residua di almeno 6 mesi.

SCOPRI TUTTI I VIAGGI AV


Informazioni e prenotazioni
Agenzia Viaggi Rallo
Piazza Ferretto 4 
- Mestre (Ve)
041.980860
agenziaralloweb@agenziarallo.it
www.agenziarallo.it

Scheda tecnica e condizioni assicurative riportate sul sito www.agenziarallo.it

 

(Foto Wiki Commons)