Roma e Ostia. L’annona e l’approvvigionamento dell’Urbe Dal 16 al 19 gennaio 2020

Accompagna il viaggio: Veronica Iacomi dottore di ricerca in Archeologia orientale all’Università di Roma “La Sapienza” 

Programma


1° giorno
ROMA: infrastrutture pubbliche e contenitori da trasporto
Arrivo libero alla stazione ferroviaria di Termini entro le ore 14.00 circa.
Incontro dei partecipanti con l’assistente culturale e inizio del percorso legato alle infrastrutture pubbliche e contenitori da trasporto con la visita ai Mercati Traianei e al Museo dei Fori Imperiali. Nonostante gli studi più recenti tendano a rivedere la tradizionale interpretazione del complesso in chiave commerciale, l’area archeologica a ridosso del Foro di Traiano riveste grande interesse sotto molteplici aspetti: la via Biberatica con le sue tabernae riflette, in una cornice monumentale, la realtà del piccolo commercio nell’Urbe, e non si esclude che le massicce costruzioni adagiate sul fianco del colle Quirinale ospitassero uffici di carattere gestionale e amministrativo.
La mostra permanente, incentrata sui Fori Imperiali, si è recentemente arricchita di una interessante sezione in cui sono esposte anfore da trasporto provenienti da varie parti dell’impero.
Al termine sistemazione in albergo, cena e pernottamento.


2° giorno
OSTIA: i luoghi dello stoccaggio e delle rivendita diretta
La mattina partenza per Ostia Antica, con focus sulle infrastrutture fluviali, gli horrea e le taberne, con sosta al Lapidarium. Già distretto marittimo e fluviale e poi municipalità autonoma nel II secolo, Ostia rappresenta l’ultimo importante snodo distributivo dal Mediterraneo all’Urbe, almeno, cronologicamente, fino alla fondazione di Portus, ma probabilmente anche successivamente a questa.
Mentre poco o nulla rimane nel centro di Roma riconducibile ai più disparati aspetti della vita quotidiana, Ostia ne preserva testimonianze importanti.
La visita, pertanto, sarà principalmente incentrata sulle aree e sui monumenti che permettono di ricostruire i processi di scambio e i commerci che attorno ad essi ruotavano (horrea, tabernae, collegia, etc).
Rientro in hotel, cena e pernottamento.


3° giorno
ROMA: infrastrutture urbane ed extraurbane
La mattina partenza in direzione dell’aeroporto di Fiumicino, dove si trova, immerso in una splendida cornice naturale, Portus: un enorme complesso portuale che riforniva l’antica Roma Imperiale, fulcro del commercio e della fortuna dell’impero.
Nel pomeriggio trasferimento al centro di Roma per la visita dell’area compresa tra il Foro Boario e la Porticus Minucia. L’ampia area ai piedi del colle capitolino rappresentò, fin da prima della fondazione di Roma, la zona perfetta per i mercanti impegnati nei traffici che sfruttavano il corso del Tevere: sebbene soltanto il mito ci conservi un pallido ricordo dei tempi arcaici, in età storica questo distretto non perse mai la sua vocazione originaria, dal punto di vista monumentale ancora apprezzabile attraverso i resti dei santuari e dei templi che vi furono eretti.
La visita comprenderà anche una passeggiata nei luoghi preposti, verosimilmente, alla distribuzione del grano, consentendo così di completare una panoramica più ampia in relazione all’annona e il significato politico, ancorché economico, dei traffici commerciali di Roma.
Rientro in hotel, cena e pernottamento.


4° giorno
ROMA: luoghi di commercio e distribuzione e partenza
La mattina trasferimento a Testaccio, dinamico e storico quartiere della capitale che si sviluppa attorno al Monte dei cocci, una collina nata dall’accumulo di anfore romane scartate, visita al Monte e alla Porticus Aemilia, uno dei più grandi edifici pubblici di età repubblicana, in uso per tutta l’età imperiale. Pranzo libero. Trasferimento libero alla stazione ferroviaria di Termini.


N.B. Per motivi di ordine operativo e organizzativo le visite e le escursioni possono subire modifiche nell’ordine di effettuazione, ma non nel contenuto, salvo chiusure di siti predisposte dal Ministero dei Beni Culturali dal momento della pubblicazione al momento dell’effettuazione del viaggio.


Quote individuali di partecipazione in camera doppia: € 630

  • Supplemento singola: € 100
  • Spese apertura pratica: € 40
  • Ingressi da consegnare all’archeologa: € 35 circa
  • Mance (da consegnare all’accompagnatore in loco): € 30

*prezzi validi al momento della preparazione del viaggio, suscettibili ad aumenti decisi dalle autorità preposte.

La quota comprende:

  • sistemazione in alberghi categoria 4 stelle in camere doppie con servizi privati
  • tutti i pasti a partire dalla cena del primo giorno alla prima colazione del giorno di partenza
  • trasferimenti e trasporti in pullman privato
  • visite ed escursioni come da programma
  • presenza di un archeologo italiano per tutto il tour
  • assicurazione medico-bagaglio-annullamento

La quota non comprende: trasporto da/per Roma pranzi del primo e quarto giorno, tassa di soggiorno da pagare in loco (€ 18,00 per persona), entrate da consegnare in loco all’accompagnatore, bevande ai pasti, extra personali negli alberghi e nei ristoranti, mance (da consegnare all’archeologa), tutto quanto non specificato alla voce “la quota comprende”.

Partecipanti: minimo 15 persone


Informazioni e prenotazioni
Agenzia Viaggi Rallo
Piazza Ferretto 4 
- Mestre (Ve)
041.980860
agenziaralloweb@agenziarallo.it
www.agenziarallo.it

Scheda tecnica e condizioni assicurative riportate sul sito www.agenziarallo.it


(Foto Wikimedia Commons)