Lazio. L’Egitto a Roma Dal 10 al 14 novembre 2020

Accompagna il viaggio Roberta Petrilli archeologa specializzata in Egittologia e Vicino Oriente Antico


PROGRAMMA

1° giorno
ROMA – Museo Nazionale Romano di Palazzo Altemps
Arrivo libero a Roma alla stazione Termini entro le ore 13.00.
Incontro dei partecipanti con l’assistente culturale e trasferimento immediato al Museo di Palazzo Altemps che, oltre a prestigiose opere di scultura antica, espone anche una pregevole collezione di testimonianze egizie.
Al termine trasferimento e sistemazione in albergo. Cena e pernottamento.


2° giorno
ROMA – Museo Gregoriano Egizio e Accademia d’Egitto
La mattina visita del Museo Gregoriano Egizio, che fa parte dei Musei Vaticani. Qui sono conservati reperti del patrimonio archeologico dell’Antico Egitto e del Vicino Oriente, raccolto dai pontefici a partire dal XVIII secolo o rinvenuto a Roma e dintorni, perché trasportato dalle provincie dell’Impero, già in epoca romana.
Pranzo libero e nel pomeriggio visita dell’Accademia d’Egitto, uno spazio che comprende un museo dedicato all’antica civiltà egizia (il primo Museo Egizio a Roma), spazi espositivi che ospitano mostre di pittura, scultura, fotografia, ceramica e grafica di noti artisti egiziani, giovani talenti e artisti italiani, nel caso questi ultimi abbiano un particolare legame con l’Egitto, una biblioteca con volumi ed enciclopedie dedicati alla letteratura, all’archeologia, all’egittologia e alla storia, una sala cinematografica che ospita rassegne cinematografiche, spettacoli di musica e danza popolare, concerti di musica classica e araba, nonché conferenze di egittologia, storia, letteratura e archeologia.
Cena e pernottamento in hotel.


3° giorno
ROMA – Palazzo Massimo e gli obelischi
La mattina visita di Palazzo Massimo, sede principale del Museo Nazionale Romano. Di particolare interesse alcune pitture provenienti da Villa della Farnesina, con elementi egittizzanti.
Pranzo libero.
Nel pomeriggio passeggiata a piedi per ammirare 4 tra gli obelischi presenti a Roma.
L’obelisco di Piazza Navona: l’imperatore Domiziano fece trasportare questo obelisco a Roma dalla città egiziana di Assuan, poi, seguendo una prassi insolita, vi fece incidere i geroglifici che lo decorano e che cantano le lodi dell’imperatore. Domiziano vi è anche raffigurato, tra due divinità, nel momento di ricevere una corona.
L’obelisco del Pantheon: il piccolo obelisco in granito rosso, alto circa 6 metri, che oggi si erge davanti al Panheon, fu trasportato a Roma da Heliopolis, in Egitto, dove il faraone Ramsete II (XIII secolo a.C.) l’aveva fatto innalzare insieme all’obelisco gemello. Furono entrambi ritrovati sotto la basilica di Santa Maria sopra Minerva, dove in età romana sorgeva un grande santuario dedicato alla dea Iside, che con tutta probabilità erano destinati ad ornare.
L’obelisco Sallustiano, che svetta sulla sommità della scalinata di Trinità dei Monti proveniva dai Giardini (horti) Sallustiani.
Infine l’obelisco Flaminio, in Piazza del Popolo, un monolite di granito rosso alto circa 23 metri che sorgeva in origine a Heliopolis, in Egitto, opera del faraone Ramses II (XIII secolo a.C.) All’imperatore Augusto si deve il suo trasporto a Roma, dove fu dedicato al Sole e collocato nel Circo Massimo sulla spina, la balaustra che correva al centro della pista e intorno alla quale giravano i carri in corsa. Ritrovato, sepolto, durante il pontificato di Sisto V, fu innalzato nel 1589 in Piazza del Popolo, a sottolineare l’importanza del luogo, monumentale accesso alla città da Nord.
Rientro in hotel. Cena e pernottamento.


4° giorno
ROMA – Museo del Palatino e Musei capitolini
La mattina raggiungeremo a piedi il museo del Palatino, ove si visitano alcuni reperti egittizzanti, tra cui le lastre Campana e i capitelli hathorici in marmo bianco.
Pranzo libero e nel pomeriggio visita della sezione egizia preso i Musei Capitolini: gran parte delle opere esposte proviene dall’Iseo del Campo Marzio, il più importante santuario dedicato a Roma alle divinità egizie.
Rientro in hotel. Cena e pernottamento.


5° giorno
ROMA – Museo Barracco
In mattinata concludiamo il tour con la visita del Museo Barracco. La sezione egizia è il primo nucleo di opere raccolte dal barone Barracco, catalogate in numero progressivo d’entrata. Le opere furono acquistate sul mercato d’aste parigino e in alcuni casi reperite nel corso di scavi archeologici. Tra di essi ha grande rilievo la sfinge della regina Hatscepsut, in granito nero. Danneggiata alle zampe anteriori e con chiari colpi di martello sul cartiglio del petto, è uno dei rari esempi di sfinge femminile che si conoscano.
Al termine delle visite trasferimento alla Stazione Termini e fine dei servizi.


N.B.: Per motivi di ordine operativo ed organizzativo, le visite e le escursioni possono subire modifiche nell’ordine di effettuazione, ma non nel contenuto, salvo chiusure di siti/Musei predisposte dal Ministero dei Beni Culturali o da altre istituzioni, dal momento della pubblicazione del presente programma al momento dell’effettuazione del viaggio.


Quote individuali di partecipazione in camera doppia: € 795,00
Supplemento singola: € 200,00
Spese apertura pratica: € 40,00
Ingressi da consegnare all’archeologo: € 65,00
Mance (da consegnare all’accompagnatore): € 20,00

La quota comprende:
Sistemazione in camera doppia in hotel di categoria 4 stelle
Trattamento di mezza pensione in hotel
Trasporto in pullman ove previsto (compresi ZTL e parcheggi)
Presenza di guida/archeologo specializzato
Visite ed escursioni come da programma
Lezioni e incontri con l’archeologo durante il viaggio
Assicurazione medico-bagaglio-annullamento

La quota non comprende: trasporto da/per Roma, i pranzi, mance, entrate ai musei e luoghi archeologici, tassa di soggiorno pari a € 6 a notte per persona (da pagare in loco), extra personali e quanto non specificato in programma.

Partecipanti: minimo 12 persone

SCOPRI TUTTI I VIAGGI AV


Informazioni e prenotazioni
Agenzia Viaggi Rallo
Piazza Ferretto 4 
- Mestre (Ve)
041.980860
agenziaralloweb@agenziarallo.it
www.agenziarallo.it

Scheda tecnica e condizioni assicurative riportate sul sito www.agenziarallo.it

(Foto Wikimedia Commons)