Georgia. Dalla Colchide all’Iberia, ai confini dell’Europa Dal 7 al 15 giugno 2019

Accompagna il viaggio: Veronica Iacomi dottore di ricerca in Archeologia orientale all’Università di Roma “La Sapienza”

Programma


1° giorno
Roma – Batumi
Partenza da Roma con volo di linea (via Istanbul) per Batumi, arrivo previsto nel tardo pomeriggio.
Incontro con la guida in aeroporto. Trasferimento in hotel, cena e pernottamento.


2° giorno
Batumi – Gonio – Nokalakevi – Tskaltubo
Passeggiata sul lungomare di Batumi.
Visita al Museo Archeologico di Batumi e al Museo Etnografico.
Visita della fortezza di Gonio (o Apsaros), forte romano posto strategicamente lungo la costa del Mar Nero e occupato nei secoli da romani, bizantini e ottomani.
Proseguimento per il sito archeologico di Nokalakevi, circondata dal pittoresco fiume Tekhuri. Nokalakevi era una delle fortezze chiave per la difesa di Lazika (moderno Samegrelo) dai Sasanidi e Persiani. La parte principale risale al IV-VI secolo d.C., ma ci sono diverse testimonianze di occupazione del sito già prima dell’VIII secolo a.C. (fine età del Bronzo/inizio età del Ferro).
La Chiesa dei “Quaranta Martiri”, situata all’interno delle mura difensive di Nokalakevi, aveva originariamente la pianta a basilica con navate ma, a seguito delle varie ricostruzioni, si è trasformata in chiesa a cupola.
Trasferimento a Tskaltubo. Cena e pernottamento in hotel.


3° giorno
Tskaltubo – Kutaisi – Borjomi
Partenza per la Riserva Naturale di Sataplia, che custodisce delle impronte di dinosauro molto ben conservate e una serie di grotte ricche di stalattiti e stalagmiti.
Proseguimento per Kutaisi, seconda città della Georgia per numero di abitanti e visita al ponte cittadino e alla cattedrale di Bagrati, capolavoro dell’architettura medioevale georgiana.
Nel pomeriggio visita al Monastero di Gelati, dal 1994 Patrimonio Unesco.
Trasferimento a Borjomi. Cena e pernottamento in hotel.


4° giorno
Borjomi – Vardzia – Khertvisi – Akhaltsikhe – Borjomi
Partenza per la Regione di Meskheti e Javakheti per la visita della città rupestre di Vardzia, scavata nel XII secolo nel fianco del monte Erusheli. Il monastero consiste in più di seimila stanze nascoste, disposte su tredici piani, all’interno delle quali era possibile proteggersi dai Mongoli. La città includeva una chiesa, una sala reale e un complesso sistema di irrigazione che portava acqua alle terrazze coltivate, accessibile da ingressi ben nascosti. Il terremoto del 1283 distrusse quasi due terzi della città, e il saccheggio ottomano del 1551 mise fine alla vita nel monastero. Le sue chiese in pietra custodiscono affreschi molto ben conservati.
Proseguimento per Khertvisi (X sec.), una delle più antiche fortezze della Georgia, raggiungibile con una passeggiata di circa venti minuti.
Arrivo a Akhaltsikhe per la visita della sua parte storica recentemente restaurata.
Ritorno a Borjomi. Cena e pernottamento in hotel.


5° giorno
Borjomi – Uplistsikhe – Dzalisi – Tbilisi
Partenza lungo la Via della Seta, per Uplistsikhe, antica città scavata nella roccia del I millennio a.C.
Proseguimento per Dzalisi, dove gli scavi del 1970 hanno portato alla luce i resti di una città romana dei primi secoli d.C., identificata come la città di Zalissa, una delle più importanti del regno di Kartli. Visita alle terme con mosaici romani.
Arrivo a Tbilisi e visita della capitale della Georgia. Una passeggiata di tre ore nella parte vecchia e più suggestiva della città. Visita della Chiesa di Metekhi (XIII sec.) che si affaccia sul fiume Mtkvari; della Cattedrale di Sioni (VII sec.) che conserva una sacra reliquia per i georgiani, la croce di Santa Cristiana e della Chiesa di Anchiskhati (VI sec.).
Proseguimento sul colle per la visita della fortezza di Narikala (IV sec.), luogo simbolo della capitale, una delle fortificazioni più antiche della città. Cena in ristorante. Pernottamento in hotel a Tbilisi.


6° giorno
Tbilisi – Sighnaghi – Gremi – Tbilisi
Partenza per la regione di Kakheti e sosta a Sighnaghi, una delle sue cittadine più conosciute, con breve passeggiata nel paese e visita al museo regionale.
Si prosegue per Gremi, antica capitale del Regno di Kakheti nei secoli XVI e XVII, residenza reale e vivace città commerciale della Via della Seta, finché l’esercito dello Shah Abbas I non la rase al suolo nel 1615. La fortezza e la chiesa degli Аrcangeli sono tutto ciò che è rimasto dell’antica città di Gremi.
Proseguimento per la visita del monastero di Nekresi e delle rovine del tempio zoroastriano, uno dei centri culturali più importanti della Georgia, incastonato in una collina ricoperta da un bosco secolare.
Ritorno a Tblisi. Cena e pernottamento in hotel.


7° giorno
Tbilisi – Mtskheta – Tbilisi
Partenza per Mtskheta, l’antica capitale della Georgia, e i suoi luoghi storici come il monastero di Jvari collocato su una suggestiva posizione panoramica (Patrimonio Unesco dal 1994). Visita alla cattedrale di Svetitskhovel, luogo di sepoltura dei re georgiani, dove secondo la tradizione è sepolta la Tunica di Cristo (Patrimonio Unesco).
Proseguimento per il sito di Armazi-Bagineti il cui nome è legato all’antica divinità pagana di Armazi. Nella zona archeologica sono presenti sezioni murarie, torri, resti di residenze reali e camere funerarie.
Visita al sito archeologico di Samtavro e del suo monastero, la cui chiesa sorge sul luogo in cui si dice che Santa Nino si sia fermata per raccogliersi in preghiera. La struttura originaria fu costruita nel IV secolo per volere del re Mirian III d’Iberia. Nel corso dei secoli l’edificio fu più volte danneggiato. Attorno al 1130 il re Giorgio I e il catholicos Melchisedec I presero la decisione di fare ricostruire la chiesa. Il re Mirian III e sua moglie Nana sono sepolti sotto un baldacchino di pietra. Il luogo di sepoltura è decorato con dei grandi affreschi realizzati nel corso del XVII secolo. Rientro a Tbilisi e visita del Museo Nazionale. Cena e pernottamento in hotel.


8° giorno
Tbilisi – Samshvilde – Dmanisi – Bolnisi – Tbilisi
Partenza per Samshvilde, una delle più antiche città dell’antica Kartli, risalente al III sec. a.C. In 4×4 si raggiunge il sito archeologico che comprende i resti di numerose chiese, una cittadella, palazzi, case, cisterne per l’acqua, bagni e cimitero oltre a un ponte sul fiume Chivchavi e le mura di un’antica fortezza a protezione della cittadina.
Proseguimento per il sito paleolitico di Dmanisi, situato su un piccolo promontorio boscoso, importante sito di ritrovamento della più antica specie ominide europea. Lo scheletro di uno di questi Homo erectus è conservato al museo locale che verrà visitato unitamente agli scavi.
Arrivo a Bolnisi, visita del museo e della chiesa, uno degli edifici religiosi più antichi della nazione.
Rientro a Tblisi. Cena e pernottamento in hotel.


9° giorno
Tbilisi – Roma
In mattinata trasferimento in aeroporto e partenza con volo di linea per Roma (via Istanbul).


Quote individuali di partecipazione da Roma in camera doppia: € 2.190

  • Supplemento singola: € 560
  • Partenza da altre città: su richiesta
  • Tasse aeroportuali (soggette a riconferma): € 230
  • Spese apertura pratica: € 40
  • Mance (da consegnare all’accompagnatore in loco): € 40

La quota comprende:

  • voli di linea in classe turistica da Roma (via Istanbul).
  • franchigia bagaglio
  • trasferimenti in pullman GT per tutto il viaggio
  • sistemazione in camera doppia in hotel di categoria 4 stelle
  • trattamento di pensione completa a partire dalla cena del giorno d’arrivo fino alla prima colazione del giorno di partenza (1/2 lt di acqua inclusa)
  • guida locale parlante italiano
  • visite ed escursioni previste dal programma
  • entrata ai musei e luoghi archeologici come da programma
  • lezioni e incontri con l’archeologo durante il viaggio
  • assicurazione medico-bagaglio-annullamento
  • accompagnatore al raggiungimento dei 15 partecipanti

La quota non comprende:
tasse aeroportuali (soggette a riconferma all’emissione del biglietto), bevande ai pasti, mance, extra di carattere personale negli alberghi e nei ristoranti, ulteriori entrate per siti/monumenti non previsti, tutto quanto non non specificato alla voce “la quota comprende”.


Documento per l’espatrio: passaporto con validità residua di almeno 6 mesi dalla data d’ingresso in Georgia.

Normativa prevista per assunzione di alcune tipologie di farmaci: ai sensi della legge georgiana sulle sostanze stupefacenti, è severamente vietato – anche in presenza di ricetta medica – il possesso di alcune sostanze comunemente utilizzate in alcuni farmaci ampiamente commercializzati in Italia.
Tra queste, si segnalano le più diffuse: acetildiidrocodeina, diidrocodeina (Paracodeina), codeina (Co-efferalgan, Tachidol, Lonarid, Codamol), nicocodina, nicodicodina, norcodeina, folcodina (Galenphol, Pavacol), etilmorfina, efedrina (Argotone, Deltarinolo, Rinovit), pseudoefedrina (Actigrip), norefedrina, metadone, tramadolo (Contramal), pregabalin (Lyrica).
Per i trasgressori sono previsti l’arresto, nonché pesanti sanzioni pecuniarie.
Si consiglia ai connazionali che intendono recarsi in Georgia di controllare la lista completa delle sostanze interdette prima di partire.

Ricordiamo che:
– non è permesso scattare foto nelle chiese in presenza di funzioni religiose
– la musica tradizionale viene diffusa a volumi piuttosto alti

SCOPRI TUTTI I VIAGGI AV


Informazioni e prenotazioni
Agenzia Viaggi Rallo
Piazza Ferretto 4 
- Mestre (Ve)
041.980860
agenziaralloweb@agenziarallo.it
www.agenziarallo.it

Scheda tecnica e condizioni assicurative riportate sul sito www.agenziarallo.it