Sicilia. L’isola delle meraviglie archeologiche Dal 29 settembre al 6 ottobre 2021

Accompagna il viaggio: Stefania Berutti
in collaborazione con Laura Danile e Serena Raffiotta

Programma


1° giorno
Arrivo a PALERMO – MARSALA
Arrivo libero all’aeroporto di Palermo entro le ore 12.00.
Incontro con la l’archeologa e partenza per la visita al Museo Archeologico Nazionale A. Salinas allestito nel bellissimo ex convento seicentesco dei Padri Filippini. Il museo  espone le testimonianze della storia siciliana con reperti e manufatti dei popoli che hanno determinato la sua storia: fenici, punici, greci, romani e bizantini, ma vi si trovano anche importanti manufatti di altri popoli come gli egizi e gli etruschi.
Al termine partenza per Marsala, lungo la “via del sale”: la strada costiera tra Trapani e Marsala lungo la quale si trovano le saline iniziate dai Fenici, un paesaggio particolarmente scenografico e ricco di storia.
All’arrivo in hotel, sistemazione nelle camere, cena e pernottamento.


2° giorno
MOZIA – MAZARA DEL VALLO
La mattina trasferimento al porticciolo di Marsala per raggiungere l’isola di Mozia, la principale isola dell’arcipelago dello Stagnone, attualmente riserva naturale, di proprietà della fondazione Whitaker. Un tempo l’isola era considerata uno dei principali insediamenti commerciali fenici nel cuore del Mediterraneo, che innalzando  di circa 1/2 metro le sue acque rispetto al periodo fenicio, ha sommerso  parte dei resti archeologici. Il museo Whitaker custodisce i principali reperti rinvenuti negli anni, tra cui la preziosa statua in marmo dell’Auriga di Mozia, riportata alla luce nel 1979.
Nel pomeriggio si raggiunge Mazara del Vallo per la visita al Museo del Satiro danzante, ospitato nella ex chiesa di Sant’Egidio. Oltre alla particolare statua bronzea, il museo ospita altre testimonianze archeologiche restituite dal mare, come vasellame e pezzi statuari in bronzo.


3° giorno
SELINUNTE
La mattina partenza per Selinunte, un lembo d’antica Grecia in Sicilia nonché parco archeologico più esteso d’Europa.  Nonostante la breve e tormentata storia la città, posizionata in riva al mare ma in cima a due alture, presenta una topografia piuttosto articolata: si può individuare l’acropoli caratterizzata dall’incrocio di due strade principali e da numerosi templi, l’area abitata di schema ippodameo e due necropoli. Non solo le guerre  ma numerosi terremoti hanno contribuito alla distruzione degli edifici che  lo caratterizzano tuttavia alcuni interventi di anastilosi hanno ricostruito quasi completamente il Tempio E (il cosiddetto tempio di Hera), e in gran parte di uno dei lati lunghi del Tempio C. Giornata dedicata alla visita del sito.
Nel pomeriggio partenza per Agrigento.


4° giorno
VALLE DEI TEMPLI – GIARDINO DELLA KOLYMBETHRA
La mattina visita al sito archeologico della valle dei templi, l’antica Akragas, comprensivo della zona ellenistica (apertura permettendo), patrimonio Unesco dal 1997. I suoi templi dorici, 12 in tutto,  indicano l’importanza dell’antica città dove si trovano anche tre santuari,   necropoli, opere idrauliche, fortificazioni, l’Agorà Inferiore e l’Agorà Superiore, un Olympeion e un Bouleuterion.
Si prosegue con il giardino della Kolymbethra, dalle origini altrettanto antiche. Risalgono infatti al V secolo a.C. quando Terone, tiranno di Akragas, fece costruire l’acquedotto Feace: un  sistema di ipogei che raccoglievano l’acqua delle falde sotterranee per convogliarla nella valle della Kolymbethra, trasformandolo in una zona molto fertile. Oggi il Giardino non rappresenta solo un gioiello paesaggistico ma anche storico e archeologico, da scoprire lungo i viottoli che costeggiano il tempio dei Dioscuri e, attraversando gli agrumeti, risalgono fino al tempio di Vulcano.
Tempo e regolamenti permettendo, pranzo pic-nic nel giardino.
Proseguimento delle visite con il museo archeologico Regionale “Pietro Griffo”  che espone  in 18 sale, i  reperti  provenienti da collezioni private,  dai musei archeologici di Palermo e di Siracusa e dalle campagne di scavo nell’area.


5° giorno
MORGANTINA – AIDONE – PIAZZA ARMERINA – SIRACUSA
La mattina partenza per il sito archeologico di Morgantina: città molto antica, poco noto a molti. Durante il periodo greco, la città divenne uno dei più importanti centri commerciali dell’entroterra, sotto l’influenza di Siracusa. Alla caduta sotto i romani, la città conobbe una veloce decadenza fino alla completa distruzione ordinata da Ottaviano.
Visita ai Museo Archeologico di Aidone, ospitato nell’ex Covento dei Capuccini, dove sono esposti i numerosi ed importanti reperti provenienti da Morgantina e dal colle di Cittadella quali  la statua della Dea di Morgantina, gli Acroliti di Demetra e Kore, il Tesoro di Eupolemos e  la testa di Ade.
Proseguimento delle visite con la Villa Romana del Casale: un edificio tardo-antico che può essere considerata uno dei modelli più significativi di dimora di rappresentanza per la complessità  e la bellezza dei suoi mosaici. L’identificazione del proprietario della Villa non è certa; in ogni caso l’alto profilo del suo committente viene ampiamente celebrato attraverso la ricchezza dei mosaici, probabilmente composti da mosaicisti africani,  negli ambienti sia  pubblici che  privati.
Al termine partenza per Siracusa.


6° giorno
SIRACUSA
Giornata dedicata alla visita di Siracusa, città millenaria e attualmente patrimonio Unesco dal 2005, tra le più vaste metropoli dell’età classica tanto da competere per potenza e ricchezza con Atene. Fu la patria del matematico Archimede, difensore della città  durante l’assedio dei Romani nel 212 a.C. Siracusa fu per secoli la capitale della Sicilia, fino alla sua conquista da parte degli Arabi, avvenuta nell’878.
Visita parco archeologico di Neapolis che comprende numerose testimonianze tra le più famose dell’antichità quali il Teatro, la soprastante area del Ninfeo, con la Via dei Sepolcri, l’area del Santuario di Apollo, l’ara di Ierone, l’anfiteatro romano.
Visita di Ortigia, da sempre il cuore della città, come testimoniano i più antichi ritrovamenti archeologici quali l’Artemision, tempio ionico dedicato alla dea Artemide, a pochi passi dal  meraviglioso Duomo di Siracusa, precedentemente tempio dedicato alla dea Atena.
Proseguimento con la catacomba di S. Giovanni, seconda per estensione solo a quelle di Roma. Costruite tra il 315 e il 360 d.C. sfruttando un antico acquedotto greco,  la cui galleria principale è stata chiamata  decumanus maximus. Da questa galleria principale si può accedere alle cinque tombe dei santi o dei martiri.


7° giorno
SIRACUSA – CATANIA
Mattinata dedicata alla visita del Museo Archeologico Regionale di Siracusa Paolo Orsi, grande archeologo che ne fu il direttore per molti anni e al quale si devono importanti scoperte e ritrovamenti. Il museo  è ospitato presso Villa Landolina e per il suo grande numero di reperti va annoverato tra i più importanti e prestigiosi d’Europa, poiché le collezioni  spaziano dalla  preistoria al periodo bizantino. Ogni periodo storico illustrato in un settore diverso, espone i tesori che ci hanno permesso di  conoscere la storia, gli usi ed i costumi  degli antichi abitanti dell’isola.
Nel pomeriggio partenza per Catania, dove si effettuerà una visita della città, la cui storia è da sempre dominata dal suo vicino vulcano. Nel suo centro storico troviamo cinque chiese che offrono  un’importante esempio del barocco siciliano  tanto da essere stato dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’umanità.


8° giorno
CATANIA – Partenza
Trasferimento di gruppo all’aeroporto per il volo libero di rientro alla propria città.


N.B.: Per motivi di ordine operativo e organizzativo le visite e le escursioni possono subire modifiche nell’ordine di effettuazione e nel contenuto in caso di chiusure di siti predisposte dal Ministero dei Beni Culturali /Sanità dal momento della pubblicazione al momento dell’effettuazione del viaggio. Sarà nostra cura cercare di trovare adeguate alternative.


Quote individuali di partecipazione in camera doppia: € 1.500

  • Supplemento singola: € 290
  • Entrate da consegnare in loco all’accompagnatore: € 95
  • Spese apertura pratica: € 40
  • Mance (da consegnare all’accompagnatore in loco): € 50
  • Tassa di soggiorno da pagare in albergo: € 15,50

La quota comprende:

  • sistemazione in alberghi categoria 3/4 stelle, in camere doppie con servizi privati
  • trattamento di mezza pensione dalla cena del primo giorno alla prima colazione dell’ultimo giorno + 1 pranzo pic-nic ad Agrigento
  • trasporto per tutto il tour in pullman privato
  • visite ed escursioni come da programma con guide locali ove previste
  • Presenza di un archeologo italiano per tutto il tour,  coadiuvato da altre archeologhe specializzate (Dott.ssa Danile ad Agrigento; Dott.ssa Raffiotta a Morgantina e Piazza Armerina)
  • assicurazione medico-bagaglio- annullamento (non rimborsabile in caso di  cancellazione forzata del viaggio per disposizioni governative)

La quota non comprende:
trasporto per la Sicilia, bevande ai pasti, pasti liberi, extra personali negli alberghi e nei ristoranti, mance (da consegnare all’archeologa ), entrate ai Musei/zone archeologiche (da consegnare all’archeologa), tassa di soggiorno ( da pagare in albergo, in totale € 15,50),  tutto quanto non specificato alla voce “la quota comprende”.

Partecipanti: minimo 15 persone


Informazioni e prenotazioni
Agenzia Viaggi Rallo
Via E. Toti 9 – 30173 Mestre (Ve)
041.980860
agenziaralloweb@agenziarallo.it
www.agenziarallo.it

Scheda tecnica e condizioni assicurative riportate sul sito www.agenziarallo.it

(Foto Franck-Manogil / Commons)